Vai al contenuto

FONTE : ILMITTE.COM CHE RINGRAZIAMO

Deutschland Übergestern”, storie di chi si è perso.

A cura di Dario Jacopo Laganà

La storia di Claus Suppe suscita sicuramente stupore e un po’ di rabbia.

La sua vita inizia in maniera assolutamente non felice, come Heimkind, orfano nella DDR cresciuto in una casa famiglia e costretto a lavorare già da bambino. Gli viene poi negata una formazione professionale, ma riesce comunque a ottenere un lavoro in una fabbrica di vetro a Jena. In seguito, trova la sua vera vocazione alla Deutsche Reichsbahn (le ferrovie statali della Germania orientale del dopoguerra).

Sebbene partecipi alla “Rivoluzione pacifica“, dopo la riunificazione il suo lavoro non viene ritenuto necessario e da allora non ha più l’opportunità di lavorare.

L'ARTICOLO SEGUE ALLA FONTE ILMITTE.COM

Il prossimo 9 novembre verrà celebrato il trentennale della caduta del muro. La data, tuttavia, è legata anche ad un altro, gravissimo fatto: la Notte dei Cristalli. Vi segnaliamo in particolare un’iniziativa organizzata dalla Topographie des Terrors. Il 7 novembre, alle ore 19:00, si terranno alcuni interventi seguiti da discussione sul tema: “Erinnerungskonkurrenzen? Die Bedeutung des 9. November in der deutschen Erinnerungskultur” (“Concorrenza nella memoria? Il significato del 9 novembre nella cultura della memoria tedesca”). Ingresso libero.

°°°°°°

Fonte in tedesco : Topographie des Terrors 

Giovedì 7 novembre 2019 19:00

Brevi lezioni e panel con il
Prof. Dr.Andreas Nachama e  il Provost Dr. Christian Stäblein (entrambi a Berlino)
Moderazione: pastore Marion Gardei, Berlino

Topografia del Terror Auditorium
Niederkirchnerstraße 8, Berlino-Kreuzberg

- Ingresso gratuito -

(Insieme alla chiesa protestante Berlino-Brandeburgo-Slesia Oberlausitz)

Il 9 novembre è associato a una moltitudine di eventi nel calendario degli anniversari. Nella storia tedesca, ha spesso segnato una svolta epocale. Oggi è soprattutto un giorno di commemorazione delle vittime dei pogrom antiebraici nel novembre 1938. In occasione del trentesimo anniversario di quest'anno a Berlino e altrove, in particolare, la "caduta" del muro nel 1989 e quindi verrà celebrata la fine della divisione tedesca . Il 9 novembre 1918 ha anche un posto permanente nella memoria storica come il giorno della fondazione della Repubblica e della democrazia nel passaggio dal Kaiserreich alla Repubblica di Weimar.
Nei loro contributi, Andreas Nachama e Christian Stäblein offrono una panoramica di come i vari eventi storici del 9 novembre sono ricordati nella chiesa, nella politica e nella società e discutono anche della rilevanza della cultura del ricordo per il presente.

Andreas Nachama è direttore della Foundation Topography of Terror, rabbino della sinagoga Sukkat Shalom e presidente della fondazione del progetto interreligioso House of One a Berlino. Ha pubblicato numerose pubblicazioni, anche come co-editore dei volumi Aufbau nach dem Untergang. Storia tedesco-ebraica dopo il 1945 (1992), conoscenza di base dell'ebraismo (2015) e "Kristallnacht". Anti-Jewish Terror 1938. Events and Remembrance (2018) e il saggio On the Creation of Memorials in Democracy (2006).

Christian Stäblein è direttore della chiesa protestante Berlino-Brandeburgo-Slesia Alta Lusazia (EKBO) e quindi direttore teologico del concistoro a Berlino. Allo stesso tempo è nominato vescovo dell'EKBO e assumerà il suo nuovo incarico il 15 novembre 2019. Le sue pubblicazioni includono la predicazione dopo l'Olocausto. La controparte ebraica nella dottrina della predicazione evangelica dopo il 1945 (2004) e il saggio Il futuro del rapporto speciale tra stato e chiesa in Germania. Una diagnosi pratico-teologica e politica (2015).

Marion Gardei è pastore e comandante della cultura del ricordo della chiesa protestante Berlino-Brandeburgo-Slesia Alta Lusazia.

Germania: Dresda proclama lo “stato di emergenza nazismo”
La delibera approvata a maggioranza e con i voti di Verdi, sinistra, Spd e liberali, ma non della Cdu

DRESDA. Il Consiglio comunale di Dresda, capoluogo della Sassonia, ha proclamato il «Nazinotstand», lo «stato di emergenza nazismo», approvando una risoluzione in cui si legge che «gli atteggiamenti e le azioni estremiste antidemocratiche, anti-pluraliste, misantropiche e di estrema destra, compresa la violenza a Dresda, stanno diventando sempre più evidenti». Lo riferisce lo Spiegel.

Leggi alla fonte LASTAMPA.IT
https://www.lastampa.it/esteri/2019/11/01/news/germania-dresda-proclama-lo-stato-di-emergenza-nazismo-1.37820474

Dresda e lo shock dell'emergenza nazismo. Il Comune: fermiamo la violenza estremista
Leggi alla fonte LAREPUBBLICA.IT

https://www.repubblica.it/esteri/2019/11/01/news/germania_dresda_stato_emergenza_nazismo-240037496/?ref=RHPPLF-BH-I240037497-C8-P2-S1.8-T1