Vai al contenuto

 

Autore: Silvio Messinetti
Fonte: Il Manifesto

Non c’è niente di eroico nel vile infierire su chi è più debole» scriveva Dacia Maraini. Ma al Viminale più che eroi ci sono caterpillar, uomini in ruspa con cui abbattere il nemico. L’attacco concentrico di politica e magistratura lo ha già esiliato, umiliato, e il 26 maggio, anche, sconfitto elettoralmente (dopo un’operazione politica tanto efficace quanto spregiudicata, pronta a tutto, anche ad aumentare i residenti del 40% in un anno nel borgo, pur di strappargli Riace). Ora, non sazi, i solerti funzionari del ministero di Salvini battono pure cassa contro Mimmo Lucano. Il nuovo capo dipartimento dell’Immigrazione, Michele Di Bari, già prefetto a Reggio Calabria e responsabile numero uno della disastrosa gestione della baraccopoli di San Ferdinando ma promosso, guarda caso, da Salvini all’importante incarico, ha inoltrato al comune della Locride formale diffida a saldare il conto pregresso. Un conto salato di 3 milioni da versare entro 30 giorni. Se così non fosse «si procederà mediante trattenuta sui versamenti erariali». Si tratta di somme già incassate per i servizi resi dal 2011 al 2018. Ma che il Viminale rivuole indietro perché nel corso degli anni Riace non avrebbe sanato alcuni vizi di rendicontazione.

...continua a leggere "Accoglienza migranti, il Viminale chiede 3 milioni di euro a Lucano. Il nuovo capo dipartimento dell’Immigrazione, Michele Di Bari, ha inoltrato al comune della Locride formale diffida a saldare il conto pregresso, entro 30 giorni"

Pubblichiamo un importante intervento di Chiara Sasso, Presidente della Fondazione "È stato il vento", costituitasi poco prima delle elezioni amministrative, con lo scopo di sostenere il Modello Riace.

Anpi- Berlino-Brandeburgo rimane attiva a fianco di una grande esperienza di accoglienza e di umanità.

L'articolo: Riace! Ricominciare.... di Chiara Sasso

Fonte: Volere la luna.it

Anpi Berlino Brandeburgo ha sostenuto con forza e determinazione il Progetto di accoglienza del Comune di Riace, al centro in questi mesi di una grande attenzione in Italia e all'estero. Un progetto che è nato vent'anni fa e si è nel tempo trasformato, organizzato e sviluppato. Le vicende giudiziarie ancora aperte, l'esilio imposto a Domenico Lucano, la propaganda "contro" di questo ultimo periodo, hanno determinato una grave battuta di arresto, che tuttavia ha rinsaldato la solidarietà e la coesione di tantissime persone, associazioni, gruppi intorno all'idea di umanità, di giustizia e di accoglienza che è stata sempre alla base di quanto nel tempo è stato costruito in quel piccolo e meraviglioso paese calabro. Un mare e una terra testimoni da sempre di approdi, transiti e stanziamenti di comunità partite da terre lontane. Occorre oggi una riflessione per fortificare la volontà di continuare: partiamo da quella di Domenico Lucano, rilasciata dopo la sconfitta della lista "Il cielo sopra Riace" nelle elezioni amministrative comunali.

L'Articolo :  "Lucano, "Triste ma accoglienza può ricominciare"

Fonte: www.telemia.it

 

Questo articolo di Carlo Ruga Riva pubblicato sul sito ASGI descrive la deriva in atto: restrizione dei diritti umani con la proliferazione di ordinanze "amministrative" che producono procedure di ostracismo verso le fasce di popolazione più fragili, in particolare , i poveri e gli immigrati. Questo inquietante processo colpisce le persone più indifese. Queste ordinanze potrebbero essere estese domani verso coloro che non sono allineati o che sono dissenzienti rispetto al sistema di potere sempre più svincolato dalle norme costituzionali. Fare resistenza a tutto campo vuol dire anche denunciare e mettere in evidenza le lesioni di diritti umani  derivanti da pratiche prefettizie che vanno a restringere le libertà personali di movimento e di relazione ...

LEGGI >>>  L'ARTICOLO DAL SITO DELLA ASSOCIAZIONE PER GLI STUDI GIURIDICI SULL'IMMIGRAZIONE ( ASGI )

"L’idea che i popoli europei dovrebbero costituire una unica famiglia o comunità nella quale ciascuna nazione dovrebbe poter sviluppare le proprie peculiarità, ma tutte dovrebbero vivere in pace sotto leggi comuni, è un’idea antica, che si aggira come uno spettro in Europa praticamente dalla caduta dell’impero romano." (A. Spinelli, 1982)

Nell'imminenza delle elezioni europee pubblichiamo, per sua attualità rispetto alle problematiche dell'oggi,  "La sfida europea di Altiero Spinelli", la lezione magistrale di uno dei padri del progetto europeo pronunciata nel 1982 all'Università di Padova. Il volume on line a cura di Marco Mascia (Quaderni del Centro diritti umani dell'Università di Padova, n. 22 (2012), contiene altri importanti documenti, per la storia della formazione dell'Unione Europea, tra i quali segnaliamo "Il Manifesto di Ventotene" (1941).

Fonte: unipd-centrodirittiumani.it

Un articolo interessante di approfondimento sulle sofferenze ed umiliazioni che la politica xenofoba e razzista sta facendo subire a tanti ragazze e ragazzi di colore adottati da famiglie italiane sempre più oggetto di atti di bullismo, offese e insulti. Nell'articolo si segnala una ricerca su questo tema di Stefania Lorenzini, docente di pedagogia interculturale all’Università di Bologna.

Il Ku Klux Klan di casa nostra
di Gavino Macciocco

I bersagli del Salvinismo sono i neri e i rom, e nei loro confronti si applicano i metodi classici del Ku Klux Klan. Il Salvinismo ha in comune con il KKK anche la blasfemia. Per questo Famiglia Cristiana non esita a definire quello di Salvini un “sovranismo feticista”, l’ennesimo esempio di strumentalizzazione religiosa per giustificare la violazione sistematica dei diritti umani.

FONTE : SALUTEINTERNAZIONALE.INFO
L'ARTICOLO