Vai al contenuto

Cosa pensa della sua città per decenni divisa in due, una berlinese nata dopo la caduta del Muro? E che pensa dei problemi ancora irrisolti del suo paese, massimo protagonista in Europa e nel mondo, eppure ancora afflitto dalla sua lunga sua storia di divisione in due stati contrapposti?
scritto da ELLA GLENZ 4 Novembre 2019
Ringraziamo le Riviste online Ytali e Arel per la condivisione di questa testimonianza

Il prossimo 9 novembre verrà celebrato il trentennale della caduta del muro. La data, tuttavia, è legata anche ad un altro, gravissimo fatto: la Notte dei Cristalli. Vi segnaliamo in particolare un’iniziativa organizzata dalla Topographie des Terrors. Il 7 novembre, alle ore 19:00, si terranno alcuni interventi seguiti da discussione sul tema: “Erinnerungskonkurrenzen? Die Bedeutung des 9. November in der deutschen Erinnerungskultur” (“Concorrenza nella memoria? Il significato del 9 novembre nella cultura della memoria tedesca”). Ingresso libero.

°°°°°°

Fonte in tedesco : Topographie des Terrors 

Giovedì 7 novembre 2019 19:00

Brevi lezioni e panel con il
Prof. Dr.Andreas Nachama e  il Provost Dr. Christian Stäblein (entrambi a Berlino)
Moderazione: pastore Marion Gardei, Berlino

Topografia del Terror Auditorium
Niederkirchnerstraße 8, Berlino-Kreuzberg

- Ingresso gratuito -

(Insieme alla chiesa protestante Berlino-Brandeburgo-Slesia Oberlausitz)

Il 9 novembre è associato a una moltitudine di eventi nel calendario degli anniversari. Nella storia tedesca, ha spesso segnato una svolta epocale. Oggi è soprattutto un giorno di commemorazione delle vittime dei pogrom antiebraici nel novembre 1938. In occasione del trentesimo anniversario di quest'anno a Berlino e altrove, in particolare, la "caduta" del muro nel 1989 e quindi verrà celebrata la fine della divisione tedesca . Il 9 novembre 1918 ha anche un posto permanente nella memoria storica come il giorno della fondazione della Repubblica e della democrazia nel passaggio dal Kaiserreich alla Repubblica di Weimar.
Nei loro contributi, Andreas Nachama e Christian Stäblein offrono una panoramica di come i vari eventi storici del 9 novembre sono ricordati nella chiesa, nella politica e nella società e discutono anche della rilevanza della cultura del ricordo per il presente.

Andreas Nachama è direttore della Foundation Topography of Terror, rabbino della sinagoga Sukkat Shalom e presidente della fondazione del progetto interreligioso House of One a Berlino. Ha pubblicato numerose pubblicazioni, anche come co-editore dei volumi Aufbau nach dem Untergang. Storia tedesco-ebraica dopo il 1945 (1992), conoscenza di base dell'ebraismo (2015) e "Kristallnacht". Anti-Jewish Terror 1938. Events and Remembrance (2018) e il saggio On the Creation of Memorials in Democracy (2006).

Christian Stäblein è direttore della chiesa protestante Berlino-Brandeburgo-Slesia Alta Lusazia (EKBO) e quindi direttore teologico del concistoro a Berlino. Allo stesso tempo è nominato vescovo dell'EKBO e assumerà il suo nuovo incarico il 15 novembre 2019. Le sue pubblicazioni includono la predicazione dopo l'Olocausto. La controparte ebraica nella dottrina della predicazione evangelica dopo il 1945 (2004) e il saggio Il futuro del rapporto speciale tra stato e chiesa in Germania. Una diagnosi pratico-teologica e politica (2015).

Marion Gardei è pastore e comandante della cultura del ricordo della chiesa protestante Berlino-Brandeburgo-Slesia Alta Lusazia.