Vai al contenuto

Sosteniamo Riace

Continua il nostro sostegno a Riace e a Domenico Lucano.

Per donazioni consultare www.estatoilvento.it 

L'immagine, opera realizzata dall'artista Daniela Spoto (diritti riservati)  rappresenta uno dei famosi bronzi di epoca greca classica ritrovati nel mare davanti a Riace che salva nelle sue braccia un veliero carico di umanità, difendendolo da mostri marini.

La nostra prima Festa della Liberazione a Berlino (25 aprile 2019), come ha detto nel suo breve discorso il nostro Presidente Franco Di Giangirolamo è stata dedicata al sostegno del Progetto di accoglienza di Riace, convinti dell'importanza dell'esperienza portata avanti in 20 anni di impegno dal Sindaco di quel piccolo comune nella Calabria ionica e decisi a essere solidali con Domenico Lucano (approfondire   link ai nostri testi). È stata una giornata bellissima organizzata insieme con l'associazione Berliner VVN-BdA presso il Regenbogenfabrik. Tantissime le persone che arrivate (italiane, tedesche, rifugiati ecc....) con le quali abbiamo condiviso Pasta al forno e vino, canti, piccoli discorsi e grande allegria: si sentiva nell'aria l'importanza di essere riusciti a incontrarci, un forte senso di appartenenza agli ideali dell'antifascismo, della giustizia, dell'antirazzismo e della solidarietà. Alla fine, durante la proiezione del film "Un paese di Calabria" di Catherine Catella, in una sala strapiena, si sentiva la forte partecipazione di tutti, sfociata in un applauso quando è comparso Domenico Lucano e in un accenno al canto di "Bella Ciao". I fondi raccolti sono stati inviati a Riace ma siamo consapevoli della necessità, di continuare a sostenere il progetto di rinascita, in una fase profondamente critica per la sua sopravvivenza

Intervento del Presidente Anpi-Berlino Brandeburgo alla Festa della Liberazione del 25 Aprile 2019

   74 anni fa, in queste ore, a Milano, con Bologna liberata, Genova e Torino in piena insurrezione, il Comitato di Liberazione Nazionale rifiutava ogni trattativa con i nazisti e i fascisti intimando la resa senza condizioni. Arrendersi o morire, perchè con i nazisti e i fascisti non si tratta, si combatte.

   L'Italia è finalmente libera, grazie alla lotta unitaria degli antifascisti, della popolazione che li ha sostenuti per due lunghi anni e degli eserciti alleati. L'Italia ritrova, grazie alla resistenza, la dignità nazionale che la dittatura fascista aveva gettato nel fango e nella vergogna.

   Grazie ai partigiani ora si può edificare una Repubblica e darsi una Costituzione fondata sui valori che animarono la lotta e il sacrificio di tanti uomini e donne. Grazie all'antifascismo europeo, ora si può guardare ad una Europa unita e pacifica.

   Ma la resistenza non riposa mai e ha continuato le sue battaglie in tutti questi anni, perché sa che i valori e le conquiste si consolidano coltivando la memoria e con la militanza continua, perché il pericolo  è sempre in agguato, come dimostra il risorgere in tutto il mondo di nuove e vecchie forme di nazismo e di fascismo.

  Quel compito importante oggi tocca a noi. I partigiani e le vittime innocenti di quel periodo, purtroppo ormai quasi tutti scomparsi, ci hanno lasciato una  bellissima e impegnativa eredità, che dobbiamo far vivere nei cuori e nelle menti nostre e delle future generazioni.

  Sta a noi ricordare i protagonisti della resistenza, riflettere  su quegli eventi storici, ma anche, e soprattutto, agire nel presente a fianco dei partigiani di oggi, di quei resistenti che combattono per un mondo e una Europa solidali, egualitari, contro ogni forma di esclusione, che abbiano come riferimento fondamentale la Carta dei Diritti dell’Uomo.

Tra poco ne conosceremo alcuni e uno in particolare:  Domenico (detto Mimmo) Lucano, già Sindaco di Riace, alla cui lotta dedichiamo la nostra solidarietà.

   Ringraziamo i compagni/e del  Berliner VVN-BdA, che hanno accolto come fratelli la nostra piccola sezione berlinese. Senza di loro questa festa non sarebbe stata possibile.  Soci e simpatizzanti della Sezione ANPI Berlino Brandeburgo che, con idee, passione e lavoro hanno voluto fermamente questa iniziativa. E infine il RegenbogenFabrik che è un programma anche nel nome, gli Sponsor che ci hanno sostenuti e voi tutti e tutte, la cui presenza è incoraggiante e ci fa essere ottimisti per il futuro.  Franco Di Giangirolamo